Porta a battente
Scorrevoli a scomparsa
Scorrevole esterno muro
Porta in legno
Sistemi di porte
Cabina armadio
Custom Projects

EmilioTadini

anima ricca di sfaccettature

Emilio Tadini, anima ricca di sfaccettature, era uomo
che affascinava con le sue molte qualità: attivo nel dibattito culturale, sorprendente nello scrivere e nel dipingere ad acrilico di getto, senza mai sbagliare una linea.

Lo abbiamo incontrato per la prima volta nel suo studio a Milano, in uno scantinato lungo e stretto di una casa tipicamente milanese, con grandi portoni e bocche di lupo affacciate sulla strada trafficata, che lasciavano filtrare la luce come un’apparizione improvvisa. Eravamo entrati nella fabbrica dei sogni, piena di libri e sagome di personaggi fiabeschi, organizzata in modo preciso, con una miriade di tele vergini disposte da una parte, altrettante finite dall’altra, e almeno quattro sui cavalletti, pronte per essere dipinte.

E lui era lì, seduto su una vecchia poltrona da barbiere macchiata qua e là di colore ad osservare l’opera appena terminata. Due minuti soltanto, prima di iniziare a fantasticare con noi.

PROGETTATO PER HENRY GLASS

Forme e figure appartenenti al mondo dei sogni si raccontano nei riflessi della luce sulla superficie della porta; un linguaggio fantastico amplifica le mutevoli atmosfere generate dal vetro conferendo profondità reale a personaggi e disegni che sembrano animati di vita propria.

Il vetro è una specie di trappola per la luce: la cattura, la rallenta, la carica di valore e poi, così cambiata, la libera. Il vetro colorato è come se o risse alla luce il colore. Che la luce lo porti fuori, lo trasporti, lo di onda.

Biografia

Nonostante sia ricordato soprattutto come pittore, Emilio Tadini fu un uomo di cultura a tutto tondo, critico d’arte, scrittore, saggista, romanziere, poeta e giornalista. La sua poetica “integrale” e “intertestuale”, indirizzata verso la libera circolazione di idee, una “molteplicità vitale” di relazioni e rimandi tra sogno e pensiero, presente e passato, tragico e comico, lo distinse come uno dei pochi intellettuali “completi” del nostro paese.